Aghi Chirurgici-Aghi da Pneumotorace

Gli aghi di acciaio sembra siano stati introdotti in Europa dagli Arabi e si vuole ancora che i migliori aghi nel XIV secolo venissero fabbricati a Norimberga.
   - Via de Ruggiero Trotula, 23, 84121 Salerno SA - Salerno
2

Informazioni generali

Gli aghi per suture chirurgiche, intesi come strumenti destinati a trapassare tessuti e strutture anatomiche diverse, portando fili di sutura, riconoscono un'origine antichissima. Già conosciuti nella preistoria e dalla medicina antica, sono citati da Ippocrate e dal romano Celso, che ci hanno lasciato dettagliate descrizioni di suture. Le ricerche archeologiche però hanno rinvenuto uno scarso numero di aghi del passato. Per lo più rotondi, costruiti in bronzo, osso o avorio, si presentano come un lungo stelo, alla cui estremità è una cruna piuttosto grossolana e sono lunghi complessivamente 8-12 cm e spessi 2-4 cm. Gli aghi di acciaio sembra siano stati introdotti in Europa dagli Arabi e si vuole ancora che i migliori aghi nel XIV secolo venissero fabbricati a Norimberga. Il chirurgo di scuola salernitana Ruggiero (XII sec.) li cita nei vari interventi che descrive, ma senza approfondirsi in dettagli. Gli aghi medievali illustrati nella Chirurgia universale di Andrea dalla Croce (XVI sec.) sono di triplice formato: triangolari, rotondi o curvi. Durante i secoli XIX e XX gli aghi si presentano in ferro o in acciaio, costituiti da una punta acuminata o anche smussata, che può essere rotonda, cilindrica, tagliente, piramidale, lanceolata ecc., un corpo cilindrico, rotondo o tagliente e una coda o cruna destinata al passaggio del filo di sutura. La cruna può essere chiusa o aperta. Più recenti sono i portaghi, strumenti fatti a pinza e usati per manovrare l'ago durante l'applicazione dei punti di sutura, indispensabili quando si eseguono suture profonde o sia necessario usare aghi sottili a piccola curvatura.  AGO DA PRIMA INTRODUZIONE di calibro 0,8-1 mm., munito di un mandrino, con punta tagliente ma smussa per non ledere il polmone e con forellino laterale all'estremità distale. AGO DA RIFORNIMENTO: più lungo del primo, fornito di mandrino, con punta a becco di flauto per rendere la puntura meno dolorosa.

Audioguide (1)

Annalisa Lambiase 27/07/2018

Commenti (0)

Nessun commento inserito.