Museo archeologico nazionale di Parma

Piazza della Pilotta, 5 - Parma
Nessun Voto

Orari di apertura CHIUSO 

  • Lunedì: Chiuso
  • Martedì: 09:00/20:00
  • Mercoledì: 09:00/20:00
  • Giovedì: 09:00/20:00
  • Venerdì: 09:00/20:00
  • Sabato: 09:00/20:00
  • Domenica: 09:00/20:00

Altre informazioni

Sito web

Informazioni generali

Fu fondato nel 1760 nella capitale del Ducato da Filippo di Borbone, in concomitanza con l'avvio delle esplorazioni del sito archeologico di Velleia, col nome di Ducale museo d'antichità. Rimase per molto tempo l'unico esempio nell'Italia settentrionale di un museo nato in seguito ad una scoperta archeologica. Ospitato in origine in un modesto edificio addossato alla Pilotta, già sede delle raccolte numismatiche farnesiane, il museo ha accolto dapprima alcuni reperti provenienti dal sito di Velleia: la tavola brondea della Tabula alimentaria traianea, i frammenti della Lex Rubria de Gallia Cisalpina, bronzi figurati e iscrizioni su bronzo, suppellettili e monete. Le sculture rinvenute a Velleia, dodici statue marmoree del ciclo giulio-claudio e le relative iscrizioni furono invece destinate alla Galleria da poco costituita presso l'Accademia di Belle Arti. Lo scalone della Pilotta che porta al Museo. Verso la fine del Settecento acquisì i materiali dell'esplorazione promossa da una società di nobili parmigiani nel sito dell'antica Luceria, nei pressi di Ciano d'Enza. A partire dal 1803, dopo la costituzione del Dipartimento del Taro da parte dei francesi, venne spogliato dei pezzi più prestigiosi, che furono portati a Parigi. Ne tornò in possesso solo dopo il Congresso di Vienna. Nel frattempo aveva accolto le sculture del Palatino, già nelle collezioni dei Farnese di Roma, e altre sculture provenienti da Roma, in precedenza di proprietà dei Gonzaga di Guastalla. Nella prima metà dell'Ottocento la duchessa Maria Luigia gli assegnò la sede attuale e lo arricchì con l'acquisto di collezioni numismatiche, di ceramica greca, italiota, etrusca e di oggetti egizi. Il processo di rinnovamento edilizio avviato da Maria Luigia portò alla scopertta del teatro romano, dell'anfiteatro e di altre frazioni del tessuto antico della città, con ulteriore aumento delle collezioni. Nel 1866 furono finalmente cedute dall'Accademia le statue della basilica di Velleia. Dopo l'unità d'Italia vi si costituisce, grazie soprattutto alle ricerche di Luigi Pigorini e di Pellegrino Strobel, una delle più importanti raccolte di reperti preistorici dell'Italia settentrionale. Durante la seconda guerra mondiale alcune sue parti, tra cui l'edificio della Cavallerizza, furono gravemente danneggiate dai bombardamenti aerei degli anglo-americani.

Cosa puoi vedere

Mettiti in contatto

* Campi obbligatori

Guarda le altre categorie